Articoli dalla stampa 2018

Sassuolo 2000 - 18 Ottobre

Reggio Emilia: convegno “Ladri di biciclette: come difendersi” con inteventi di polizia locale, polizia di stato, carabinieri, Fiab e il Registro Italiano Bici.
Sabato 20 ottobre 2018, alle ore 9.30, alla Polveriera di Reggio Emilia (via Terrachini 18) si svolge il convegno “Ladri di biciclette: come difendersi”, organizzato da Comune di Reggio Emilia e Fiab.
L’incontro, realizzato nell’ambito del progetto Safe Bike, proposto dalla Polizia Municipale di Reggio Emilia e co-finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e organizzato nell’ambito delle iniziative della Settimana europea della Mobilità, ha l’obiettivo di informare i cittadini sulle modalità per tutelarsi dai furti di bicicletta.
Scarica la locandina . leggi l'articolo

 

BiciSicura News - 3 Ottobre

A Firenze, la polizia di stato blocca un ladro subito dopo il furto e lo arresta dopo le verifiche col Registro Italiano Bici.
Una volante della polizia, in pattuglia nei pressi dell'università, ha bloccato un tipo sospetto a bordo di una bicicletta di prestigio, smascherandolo immediatamente dopo una prima verifica effettuata in tempo reale contattando telefonicamente gli operatori del Registro Italiano Bici.
La bici era stata marchiata con targa FI072843 e registrata nel Registro Italiano Bici nel corso delle numerose manifestazioni denominate "Lamìbici" che la polizia locale di Firenze - Uffico Città Sicura, organizza con i cittadini per far identificare le loro bici con i sistemi BiciSicura del Registro Italiano Bici.

 

BiciSicura News - 23 Settembre

Non si trattava di un furto ma il Registro Italiano Bici ha effettuato comunque tutte le verifiche del caso rassicurando proprietario e segnalatore.
Potremmo chiamarla una verifica con esito positivo, che dà la misura dell'affidabilità e continuità delle procedure in atto nel Registro Italiano Bici.
La sig.ra T. L., abitante ad Abbiategrasso (MI), con bicicletta regolarmente marchiata ed iscritta nel Registro Italiano Bici, aveva appena cambiato lavoro e, recandosi sul nuovo posto di lavoro in bicicletta, aveva parcheggiato la bici nel cortile di un palazzo mai frequentato prima. Per distrazione, non aveva legato la bici col solito catenaccio e questo aveva destato perplessità in una dipendente di un altro ufficio presente nello stesso palazzo. Pensando che si trattasse di una bici rubata ed abbandonata, tale dipendente ha contattato immediatamente il Registro Italiano Bici che, dopo una verifica con la sig.ra T. L., ha scoperto che non si trattava di una bici rubata.
Grande è stato l'apprezzamento per la tempestività dei servizi di verifica proprietà del Registro Italiano Bici sia da parte della proprietaria che dell'altra dipendente, grazie ai quali, nel caso di furto vero, la bici sarebbe stata recuperata immediatamente.

 

Facebook BiciSicura - 22 Settembre

Perché non bisogna fidarsi degli adesivi con cui i grandi distributori dicono di marchiare le loro bici?
Chi vende biciclette, è risaputo, non è particolarmente interessato a combatterne il furto.
Ma quando il mercato parla con insistenza di marchiatura, anche il venditore di bici, vi si butta a capofitto .
Ma fa un altro mestiere! E si vede... Guarda il post

 

Comunicato Stampa - 16 Settembre

Vuoi targare la bici con il 40% di sconto?
Come ogni anno, il Registro Italiano Bici, per la settimana della mobilità europea, dal 16 al 22 settembre, offre uno sconto del 40% sull'acquisto di un kit BiciSicura per marchiare e registrare la propria bicicletta e metterla al sicuro dal furto.
Ma attenzione!
L'offerta è valida solo per i primi 50 utenti.

 

Facebook BiciSicura - 14 Settembre

Bikesharing a flusso libero. A chi conviene?
"Il servizio è assai gradito agli utenti (ed è vero, ndr), ma è il modello di business che va cambiato (margini fortemente negativi, ndr)". Così afferma il direttore generale di una delle più note società cinesi presenti in Italia.
Ma allora perchè uno dopo l'altra queste aziende stanno saltando?
Guarda il post

 

Facebook BiciSicura - 03 Settembre

Conosci tutti i nuovi ritrovati per combattere il furto delle bici?
Leggendo le News che riguardano il contrasto dei furti di bici si potrebbe dire che i ladri non hanno più pane per i loro denti. In realtà i furti di bici aumentano giorno dopo giorno! Perché?
Perché il furto delle bici è un fenomeno...
Guarda il post

 

TG RAI - 22 Agosto

L'Amministrazione comunale di Firenze è tra le poche in Italia a perseguire dal 20014 un piano di contrasto al furto delle biciclette di tipo pluriennale.
Come abbiamo già avuto modo di evidenziare in altri articoli (Progetto "Lamiìbici" a Firenze), il contrasto al furto delle bici non è assimilabile al lancio di un "gadget" o ad un evento straordinario.
Si tratta invece di articolare un programma di intervento su più anni e che preveda, ogni anno, diverse occasioni d'incontro tra l'Amministrazione e i suoi cittadini. Guarda il filmato

 

Radio Gold News - 19 Luglio

La Questura di Alessandria è la prima a credere nei poliziotti in bici.
Dopo l'attivazione, l'anno scorso, dei vigili in pattuglia velo montata, cui hanno fatto seguito altre città piemontesi, è stata la Questura di Alessandria a credere nell'efficacia della pattuglia in bici. Attraverso un adeguato corso di formazione dell'AIPIB - Accademia Italiana Pattuglia In Bicicletta e dotandosi di biciclette speciali (formazione, bici e altro sono distribuiti in esclusiva dal Registro Italiano Bici, tra i soci fondatori di AIPIB, ndr), la Polizia di Stato di Alessandria sarà la prima ad attivarsi con la pattuglia in bici.
Gli enormi vantaggi della pattuglia in bici, spiegati dettagliatamente dal dott. Mauro di Gregorio, presidente di AIPIB, sono inconfutabili, a patto però di partire col piede giusto, che significa formazione degli agenti, biciclette attrezzate adeguatamente ed uno specifico piano di lavoro per la nuova unità.
Negli USA, tutto ciò appartiene ormai alla storia passata.
In Italia, vedremo se oltre agli smartphone saremo bravi anche ad usare la bici per migliorare la sicurezza dei cittadini .
Sia noi del Registro Italiano Bici che gli amici di AIPIB - Accademia Italiana Pattuglia In Bicicletta, ne siamo convinti. Leggi l'articolo

 

BiciSicura News - 1 Luglio

Quando convinzione e perseveranza portano ai risultati auspicati.
Il contrasto del furto delle bici non dovrebbe essere una voglia che spunta col primo sole dell'estate. Dovrebbe essere invece un programma pluriennale che va portato avanti con convinzione e costanza da parte di tutte le parti coinvolte (Amministrazione, Polizia locale, Forze di Polizia, cittadini, operatori commerciali, associazioni).
Un buon esempio è costituito dalla città di Firenze, la cui Amministrazione ha creduto nel progetto "Targa la bici" del Registro Italiano Bici, a Firenze denominato "Lamìbici", e che nel corso degli ultimi anni ha promosso, seguito e gestito, sotto il coordinamento dell'Ufficio Città Sicura, tale iniziativa con risultati brillanti in termini di contenimento dei furti. In particolare in una città dove le bici di notte sono parcheggiate all'aperto per la oggettiva scarsità di garage e box interni alle abitazioni.
Un esempio per tutte quelle città che, a differenza di Firenze, hanno promosso progetti diversi ad ogni cambio di giunta e, ancora peggio, ogni volta che è arrivata sul mercato la soluzione tecnologica "definitiva".
Anche per il progetto di contrasto dei furti delle bici vale ciò che vale per quaslaisi altro progetto: guardando alla causa principale che ha prodotto il fallimento di un progetto, si scopre come questa risieda non tanto nel tipo di soluzione adottata, che è pure importante, ma quanto nella mancata o imperfetta esecuzione del piano operativo.
E su questo, noi italiani la sappiamo lunga...
Quindi, scegliamo una buona soluzione ma poi attuaiamola fino in fondo!
Guarda gli appuntamenti di luglio

 

BSCC update - 22 Maggio

La tecnica del "doppio antifurto" utilizzata dai ladri di bici professionisti quando trovano una bici bloccata con un buon antifurto.
Tra le tante errate convinzioni che pervade il fenomeno dei furti di biciclette, una delle principali è la fiducia eccessiva assegnata ad un buon antifurto.
Non che utilizzare un buon antifurto sia dannoso. Anzi tutt'altro.
Ma attenzione!
Un buon antifurto, utilizzato da solo su una bici anonima, non rappresenta alcun problema per il ladro che, con la tecnica del doppio antifurto, si porta via in tutta tranquillità e sicurezza, come mostrato nel filmato del BiciSicura Competence Center, la vostra bicicletta.
Guarda il video

 

BiciSicura News - 4 Maggio

Bologna (BO): bicicletta rubata un mese prima a Firenze e recuperata dai Carabinieri di Bologna grazie a BiciSicura e al Registro Italiano Bici.
La bella bicicletta da uomo era stata rubata al sig. C. C., abitante a Firenze, circa un mese fa.
Trattandosi di un bici di valore e come abbiamo più volte sottolineato, ha preso il volo per un'altra città, "atterrando" a Bologna.
È stato poi grazie ai Carabinieri di Bologna che la bicicletta ha potuto essere requisita al ricettatore per disporne la riconsegna al legittimo proprietario, individuato grazie al Registro Italiano Bici.
Questi, avvisato prontamente sia dal Registro Italiano Bici che dai Carabinieri di Bologna ha potuto così prontamente rientrare in possesso della sua bella bici.
Ancora una volta: grazie RIB.

 

Registro Italiano Bici News - 12 Aprile

In distribuzione la nuovissima Guida ai Servizi 2018 del Registro Italiano Bici.
La guida riassume tutta l'offerta di servizi del Registro Italiano Bici, incluse le ultimissime novità in tema di strumenti di contrasto al furto delle biciclette.
È rivolta principalmente a tutti gli operatori, cominciando dalle Amministrazioni pubbliche alle Forze di Polizia, dai negozi di bici alle associazioni di ciclisti, dalle scuole e università ai mobility manager aziendali.
Si tratta dell'offerta più completa e organica oggi esistente a livello nazionale ed europeo.
Qualunque origanizzazione che abbia a cuore lo sviluppo della mobilità ciclistica combattendo il principale fattore che disincentiva l'uso della bici in città, ovvero la paura del furto, non potrà fare a meno di consultare questa Guida, che può essere richiesta gratuitamente da tutte le organizzazioni interessate.
Sfoglia la Guida online

 

 

BiciSicura Competence Center News - 10 Aprile

QR code dinamico, resinatura, GPS passivo per identificare la bici? Pregi (pochi) e difetti (tanti). L'analisi del BiciSicura Competence Center.
Di recente si sente parlare di mirabolanti sistemi di identificazione della bici attraverso un QR code resinato, criptato, dinamico e con GPS passivo, che saranno "alla portata di tutte le tasche" per risolvere il problema di furti di bici.
Il nostro BiciSicura Competence Center ha analizzato a fondo questi sistemi dandone un giudizio finale di complessiva insufficienza. Sembrerebbe che potrebbero addirittura far aumentare i furti.
Consulta lo Studio

 

 

BiciSicura News - 2 Aprile

Borgarello (PV): Bicicletta rubata due anni fa e recuperata grazie a BiciSicura e al Registro Italiano Bici.
Si tratta di una mountain bike Bianchi, modello Kuma, di valore considerevole, che era stata rubata il 29/05/2016 al sig. M. D., abitante a Borgarello. La bici era legata con filo spirale (!!!) ad una rastrelliera ed era sparita nel giro di pochi minuti. Il sig. M. D., benchè avesse avuto la "leggerezza" di usare un antifurto da pochi euro su una bici di valore, aveva avuto l'accortezza comunque di marchiarla con BiciSicura e di registrarla nel Registro Italiano Bici. Ed è proprio per questo motivo che i Carabinieri di Pavia sono stati in grado di intervenire, su segnalazione dello stesso proprietario legittimo, confiscando prima la bici e arrestando chi ne era illegalmente in possesso.
Per riconsegnare la bici al legittimo proprietario è stato sufficiente, da parte degli agenti dell'arma, consultare online sul Registro Italiano Bici la scheda bici e la copia della denuncia di furto in essa riportata.
Ancora una volta: grazie RIB.

 

La Stampa - 28 Febbraio

Vercelli: Promosse le biciclette con la targa BiciSicura del Registro Italiano Bici. I vigili: zero furti denunciati.
Ad un anno dal lancio a Vercelli, oltre 1.000 proprietari di biciclette hanno aderito al progetto di registrazione delle due ruote che disincentiva fortemente il ladro dal rubare la bici e se , rubata, la bici può venire facilmente e rapidamente identificata dalle Forze di Polizia.
Al momento non c'è stata alcuna segnalazione di furto al comando di polizia municipale. Segno che il sistema, assieme agli altri strumenti messi in campo dai vigili urbani con la collaborazione del Registro Italiano Bici, sta facendo da deterrente a questo fastidioso fenomeno.
Guarda l'articolo

 

 

BiciSicura News - 20 Febbraio

Pavia: Bicicletta rubata nel giardino di casa e recuperata dopo una decina di giorni grazie a BiciSicura e al Registro Italiano Bici.
Il proprietario, R. Z., abitante a Pavia, aveva lasciato la sua bella bici nel giardino di casa, senza legarla, pensando che fosse al riparo dai ladri.
Sono bastati pochi minuti e la bici era già sparita.
Amareggiato ma ancora speranzoso di ritrvarla, il sig. R. Z. ha effettuato la segnalazione al Registro Italiano Bici e ha sporto denuncia alle Forze di Polizia. E ben ha fatto perché dopo poco più di una settimana, la locale stazione dei Carabinieri lo ha contattato, grazie alle informazioni avute dal Registro Italiano Bici, per informarlo che poteva passare a ritirare la sua bici, requisita al ladro poco prima.

 

WIRED.IT - 19 Febbraio

Milano: Bici rubate, il codice QR non funzionerebbe.
Il portale WIRED.IT interviene sulla ipotesi che sta circolando a Milano in questi giorni di dotare le bici di un QR code di identificazione, il cui costo di circa 20 Euro sarebbe a carico dei ciclisti stessi. Soluzione che, al di là del prezzo e di chi lo deve sostenere, si è dimostrata totalmente inadeguata laddove è stata già implementata qualche anno fa (vedi p.e., città di Alberta -USA). L'articolo di Wired cita anche i contributi del Registro Italiano Bici, Perché il QR code non funziona sulla bici (2012) e I sistemi di marchiatura che non funzionano, tra i primi a mettere in guardia sulla inefficacia "tecnica" di tale sistema.
Ma come spesso accade, le convinzioni quanto più sono errate tanto più sono dure a morire (le neuroscienze insegnano!). Basterebbe non limitarsi agli enunciati ma guardare più ai fatti e alle prove e risultati ottenuti sul campo.
Guarda l'articolo

 

Caserta Today - 13 Gennaio

Caserta: Casertainbici, l'associazione Fiab di Caserta si attiva col Registro Italiano Bici per il contrasto dei furti delle bici.
L'evento si svolgerà domenica 14 gennaio, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, presso il punto di noleggio biciclette “Biciè” in via San Giovanni 33.
L'iscrizione - si legge nel comunicato - comprende, oltre al kit “BiciSicura”, l'assicurazione per danni causati a terzi mentre si utilizza la bici e l'abbonamento a “BC”, rivista trimestrale ufficiale della FIAB.
L'abbinamento Fiab - Registro Italiano Bici sta aiutando, già da diversi anni (2007), numerosi soci delle associazioni Fiab locali a contrastare efficacemente il furto delle bici con il sistema più diffuso, più facile da attivare ed il solo che, in totale trasparenza, riporta pubblicamente i risultati ottenuti.
Ulteriori link:
GoldenWeb
L'eco di Caserta
CasertaFocus
Guarda l'articolo

 

BiciSicura News - 6 Gennaio

Parma: Bicicletta rubata a Parma e ritrovata a Bologna, con conseguente arresto del ladro.
Un altro esempio di come la prevenzione del furto fatta con il servizio del Registro Italiano Bici sia insostituibile  anche in caso di furto, favorendo il ritrovamento della bici rubata attraverso la piena collaborazione delle Forze di Polizia, che sfruttano tutti gli strumenti che il Registro Italiano Bici mette loro a disposizione.
Perché un registro locale delle bici è pressoché inutile?
A cosa serve effettivamente la denuncia di furto fatta alle Forze di Polizia?
A questa e ad altre illuminanti domande, risponde questo articolo degli esperti del Registro Italiano Bici. Guarda l'articolo